20 settembre 2016

Consigli e informazioni al Consumatore

Ai giorni nostri è difficile trovare il prodotto più adatto alle nostre esigenze che sia anche accompagnato dalle corrette informazioni riguardo alle sue caratteristiche, al metodo di produzione e al suo impiego. Questa pagina è dedicata a quanti vogliono gustare al meglio e in maniera consapevole le proprietà benefiche dei nostri prodotti naturali.

Oli essenziali

Oli essenziali

Alcuni oli essenziali possono essere considerati irritanti se utilizzati puri sulle pelli più sensibili, in questi casi conviene servirsi di un “vettore”: tra i più indicati segnaliamo l’olio di mandorle dolci, miscelando un 5-10% di olio essenziale con 95-90% di olio di mandorle otteniamo un olio medicato semplice, utilizzabile senza paura di irritazioni.

Produzione miele

Metodo di produzione e/o estrazione del miele

Una premessa doverosa: il miele può essere estratto dagli alveari e trattato in modi diversi. Comunque, quello migliore è quello sottoposto a basse temperature, perché conserva tutte le sue proprietà nutrizionali originarie che non vengono degradate dall’eccessivo calore. Ecco i tipi di miele che si possono ottenere con le varie tecniche di produzione:
Miele centrifugato: che si ottiene mediante la centrifugazione dei favi senza trattamenti termici o chimici che ne altererebbero le caratteristiche organolettiche. Tutti i mieli del Monastero sono ottenuti secondo questo procedimento;
Miele di favo: quello immagazzinato dalle api negli alveoli dei favi;
Miele con pezzi di favo o sezioni di favo nel miele: contiene anche uno o più pezzi di miele in favo
Miele scolato: ottenuto scolando i favi;
Miele torchiato: per far uscire il miele dai favi si ricorre a una forte pressione o a un riscaldamento che arriva al massimo a 45° C di temperatura;
Miele filtrato: è sottoposto alla tecnica della microfiltrazione (la stessa usata per l’acqua o il latte microfiltrati). In pratica, viene fatto passare attraverso una membrana dai fori piccolissimi, che trattengono pollini e impurità. Il risultato è un miele “ripulito” ridotto ad una semplice miscela di zuccheri impoverita da tutti gli apporti organolettici e pollinici che ne fanno un alimento salutare e gli danno aroma e carattere;
Miele per uso industriale – unicamente a uso culinario: si tratta di un miele vecchio, sottoposto a cottura ad alte temperature, che per il gusto e l’odore anomali è adatto solo come ingrediente in altri prodotti alimentari.

Data di scadenza

Data di scadenza o termine minimo?

Forse non tutti sanno che le diciture “Consumare preferibilmente entro il…” e “Consumare entro il…” hanno un significato estremamente diverso: la prima si definisce come “Termine minimo di conservazione” (t.m.c.) ed indica la data fino alla quale il prodotto conserva le sue proprietà specifiche; la seconda é invece la “Data di scadenza” che é la data entro la quale il prodotto va consumato.


Tutte le informazioni e i consigli contenuti in questa pagina sono stati redatti da specialisti ed hanno carattere puramente informativo, quindi non comportano nessun vincolo giuridico. Nel caso in cui scegliate di applicare i consigli e qualsiasi altra informazione, decliniamo interamente ogni responsabilità soprattutto per quanto riguarda i danni diretti. La visione della presente pagina Web non comporta nessun obbligo di stipulare un contratto.